Condividi

 
Attenzione! ATTENZIONE!

Quando clicchi sul pulsante "Ordina Ora" potrebbe non aprirsi la pagina con il riepilogo dei dati del libro scelto: questo dipende dal fatto che sul tuo pc non Ŕ installato un client di posta. Quindi, per completare l'ordine, devi inviare una email a: ordini@tulliopironti.it con i tuoi dati e quelli del libro scelto.
 

LA VITA ╚ DISPARI

LA VITA ╚ DISPARI

Intervista a Eduardo: źĺA nuttata nunnĺŔ passata╗

Con più di 100 foto di Eduardo


«Finalmente salì sul palcoscenico Eduardo.
Si mise in piedi, davanti al tavolo della presidenza.
Tirò fuori di tasca alcuni fogli.
Sollevò gli occhi verso il pubblico, inforcò gli occhiali.
Guardò di nuovo il pubblico, bevve un bicchier d’acqua. Sbirciò i fogli.
Si tolse un fazzoletto dalla tasca della giacca. Si asciugò la fronte.
Eravamo d’estate e là dentro era un forno.
Tutti quei gesti erano fatti con una tale eleganza
da sembrare parte di un rituale. Poi, cominciò a leggere.
Ma il tono e i ritmi erano di chi parlava all’improvviso.
Ebbi il dubbio che su quei fogli non ci fosse scritto nulla.
Era solo un espediente per meglio concentrarsi.
Quando si dice la forza carismatica.
Si produsse nella sala una tensione e un’attenzione straordinarie […]».

(dalla Prefazione di Dario Fo)


Paolo Calcagno
Prefazione di Dario Fo
Formato:210x297
Pagg.122

978-88-7937-703-4
€ 13,90


Eduardo De Filippo rende conto di sé in una sorta di rappresentazione della memoria.
Incontra Paolo Calcagno e risponde alle sue domande, anche le più insidiose.
Nella lunga conversazione che ne nasce, Eduardo racconta perché scelse la frase «Ha da passà ‘a nuttata» per il finale di Napoli milionaria e per la prima volta si riesamina criticamente fino a decidere di abolirla.
La conversazione aumenta progressivamente il suo ritmo ed Eduardo non si sottrae: parla del legame tra Napoli e il suo teatro, cita episodi sconosciuti,  ricorda suo padre Eduardo Scarpetta, rivela di essere un musicista e di aver composto tutte le musiche dei suoi spettacoli, si entusiasma per il suo rapporto con i giovani, esprime tutta la sua amarezza per aver pagato con una dolorosa trascuratezza dell’autore gli osanna ricevuti come attore, s’intenerisce e alza la voce in difesa della sua città.

Paolo Calcagno, napoletano, giornalista, già inviato speciale del «Corriere della Sera», scrive per i principali quotidiani italiani ed è autore di numerosi programmi-tv culturali.


lascia un commento
blog comments powered by Disqus