Condividi

 
Attenzione! ATTENZIONE!

Quando clicchi sul pulsante "Ordina Ora" potrebbe non aprirsi la pagina con il riepilogo dei dati del libro scelto: questo dipende dal fatto che sul tuo pc non installato un client di posta. Quindi, per completare l'ordine, devi inviare una email a: ordini@tulliopironti.it con i tuoi dati e quelli del libro scelto.
 

Sette modi di non essere

Sette modi di non essere

«Nel suo isolamento non guardava più neanche se stesso in uno specchio. La conseguenza terribile fu che dimenticò del tutto anche la propria faccia, non riconoscendosi più e diventando ignoto a se stesso. Sognava, questo sì; ma i suoi sogni si trasformarono presto in incubi popolati da persone tutte uguali che si incontravano senza vedersi né parlarsi, ché al posto della faccia avevano un ovale molle e bianchiccio, perfettamente liscio e privo delle quattro canoniche cavità e quindi di qualsiasi espressione».


Antonio Rainone
Formato:140x210
Pagg.80
978-88-7937-479-8
€ 8,00


Tra cascami filosofici e citazioni letterarie, con leggerezza, ironia e un po’ di dolente umorismo, Sette modi di non essere racconta di coloro che non sono più se stessi o, forse, non lo sono mai stati. C’è chi perde letteralmente la faccia, chi il proprio nome, chi acquisisce – inopinatamente o volontariamente – una cultura prodigiosa di cui diventa schiavo, chi rifiuta la varietà dell’esistente e vive nel culto di un’irraggiungibile quanto necessaria uniformità, chi non sa far altro che imitare gli altri, chi non è felice se imita gli altri ma è infelice se non li imita. Storie improbabili e surreali, divagazioni grottesche e paradossali sulla condizione di chi non ha una propria identità, eppure non prive di un fondo di verità.
Antonio Rainone è nato a Napoli nel 1955. Ha lavorato per diversi anni in ambito editoriale, collaborando in particolare con l’Istituto della Enciclopedia Italiana (Treccani), per il quale ha curato il settore filosofico di varie opere. Dal 2002 insegna Logica e Filosofia della Scienza nell’Università di Napoli “L’Orientale”.


lascia un commento
blog comments powered by Disqus